Asparago, Asparagus officinalis. Per una scelta consapevole. Phytochemicals ed evidenze scientifiche for interesting health beneficial effects

Pianta erbacea, coltivata, perenne con rizoma orizzontale strisciante, con fusti verdi, 1.jpgeretti, alti fino a un metro e mezzo, glabri, con cladodi raggruppati in fascetti, con vere foglie ridotte a squame minute, con fiori solitari o appaiati o raramente fino a 3-4, perigonio campanulato di 6 tepali subpatenti biancastri, con bacca sferica, globosa di colore rosso scarlatto di 11-12 mm, con 1-4 semi neri.
Allo stato spontaneo negli incolti boschivi, si trova l’Asparagus acutifolius, pianta perenne, cespugliosa, legnosa, pungente, munita di rizoma sotterraneo con foglie presenti nel fusto principale e ben visibili sui turioni, con cladodi in luogo dei rami, verdi, aghiformi con punta acuminata, riuniti in mazzetti, con fiori
2.jpg giallastri, piccoli, con bacche tonde verdi e nerastre a maturità, tossiche. Allo stato spontaneo, in varie località, si trovano altri asparagi quali l’A. maritimus, l’A. tenuifolius, l’A. aphyllus [1].
Si consumano i germogli giovani, detti turioni. Nelle specie coltivate i turioni si distinguono per il diverso aspetto e per il sapore più o meno delicato a seconda della modalità di coltivazione e di raccolta, della varietà e del loro patrimonio genetico. Si trattano in cucina in vario modo. La maniera più semplice è quella di legarli in mazzi in modo che solo la parte inferiore sia a contatto dell’acqua bollente, mentre la superiore si cuocia a vapore.
Si consumano pure i turioni dei vari asparagi selvatici, di sapore nettamente più deciso.
Gli asparagi al pari di altri ortaggi quali i carciofi, i radicchi e la cipolla contengono i FOS, 3.jpgfruttooligosaccaridi, che sono fibre alimentari solubili dotate di benefici effetti such as low carcinogenicity, a prebiotic effect, improved mineral absorption and decreased levels of serum cholesterol, triacylglycerols and phospholipids [2].
Inoltre l’asparago, sempre alla pari di altri ortaggi, apporta un buon livello di minerali; in particolare si legge che Malva and Asparagus are interesting due to their zinc content [3].
Uno studio del 1995 apparso su Plant Foods for Human Nutrition sostiene che la presenza negli asparagi di oligoelementi viene influenzata dal ciclo vegetativo. The essential elements copper (Cu), iron (Fe), zinc (Zn) and manganese (Mn) were analyzed in fresh 4.jpgasparagus to determine the effects of the vegetative cycle of the plant on the micronutrient content [4]. Il lavoro viene condotto su due gruppi di asparagi: l’uno con diametro inferiore a 11 mm e l’altro con diametro superiore a 14 mm e lo stesso gruppo viene diviso in due porzioni: l’apicale e la basale in base alla distanza dalla punta. La concetrazione di rame, ferro, zinco e manganese aumenta during the vegetative cycle of the asparagus, mainly in the apical portion che mostra un significantly greater concentrations with respect to the basal portion. L’asparago di diametro superiore a 14 mm presenta higher levels of copper, zinc and manganese, mentre la concentrazione del ferro si presenta maggiore nell’asparago con diametro inferiore a 11 mm [4].
Uno studio del 1996 condotto sui turioni mette in evidenza che the effect of the ripening of the asparagus incide sul contenuto di calcium (Ca), magnesium (Mg), sodium (Na) potassium (K) and phosphorus (P). Gli Autori, prendendo in considerazione il diametro dei turioni e avendoli divisi nella porzione basale e apicale, dimostrano che la concentrazione dei suddetti elementi essenziali aumenta with the ripening process of the asparagus while the 5.jpgcontent of sodium decreased when the white asparagus turned into a green ripening state. No significant differences were established for potassium. Poi gli Autori si addentrano in uno studio minuzioso e dettagliato [5].
I turioni, a seconda della forma, del colore, della dimensione e della porzione edibile, variano nella costituzione dei loro micronutrienti, però la composizione chimica globale resta pressappoco la stessa, per cui apportano polifenoli, flavonoidi quali acido ferulico, kaempferolo, quercetina, rutina e iperoside, caroteni, clorofilla, saponine steroidee,6.jpg glutatione antiradicalico e vitamine quali acido folico, vitamine A, C, E ed alcune del gruppo B [6]. A proposito dei polifenoli, uno studio mostra una quantità maggiore di antocianine from purple asparagus, infatti two major anthocyanins (A1 and A2) were isolated from peels of the spears of Asparagus officinalis cv. Purple Passion, dotate di high antioxidant activities [7].
7.jpgL’asparago è uno di quegli alimenti utili a controllare il buon andamento del glucosio ematico. Ovviamente una maggior azione in questo senso è svolta dalla porzione radicale. Uno studio suggerisce che Asparagus officinalis extract exerts anti-diabetic effects by improving insulin secretion and β-cell function, as well as the antioxidant status [8].
Secondo la tradizione erboristica la radice di asparago con finocchio (Foeniculum vulgare), prezzemolo (Petroselinum crispum), sedano (Apium graveolens) e pungitopo 8.jpg(Ruscus aculeatus) entra nella preparazione dello sciroppo delle cinque radici con proprietà diuretico-depurative. Quest’attività sembra dovuta ad alcuni amminoacidi, in primo luogo l’asparagina, presenti in buona percentuale nell’asparago. Tale azione viene pure coadiuvata dai sali di potassio che aiutano a tener in ordine la pressione sanguigna e proteggere l’apparato cardiocircolatorio. Si legge nel Decreto del 27 marzo 2014 che radix e rhizoma di Asparagus officinalis favorisce il drenaggio dei liquidi corporei, la funzionalità delle vie urinarie e le funzioni depurative
dell’organismo
[9].
L’asparago, secondo la tradizione popolare gode9.jpg di un certo beneficio sulla salute del fegato. Uno studio: Effects of Asparagus officinalis extracts on liver cell toxicity and ethanol metabolism, mette in evidenza la capacità protettiva sulle cellule epatiche contro gli insulti tossici, compreso pure il beneficio nella riduzione della sbornia da alcol. A. officinalis exerts its biological functions, including the alleviation of alcohol hangover and the protection of liver cells against toxic insults [10].
Vi sono studi condotti sui ratti che prendono in considerazione certe attività finora sconosciute dell’asparago. Ad esempio attività che riguardano i livelli ormonali dell’asse10.jpg ipotalamo-ipofisi-gonadi nei ratti femmina [11] e attività che riguardano le azioni neurofarmacologiche. A tal proposito lo studio dal titolo Evaluation of Anxiolytic-Like Effect of Aqueous Extract of Asparagus Stem in Mice, mette in evidenza che the aqueous extract of asparagus stem exhibited a strong anxiolytic-like effect … in experimental models of anxiety and may be considered an alternative approach for the management of anxiety disorder [12].
É noto che il consumo di asparagi è in grado di modificare l’odore dell’urina, in quanto contiene dei principi solforosi. Tra questi vi è l’acido asparagusico, propriamente tipico dell’asparago, dal cui metabolismo originano composti volatili odorosi. This molecule, apparently innocuous toxicologically to man, is the most probable culprit responsible for 11.jpgthe curious excretion of odorous urine following asparagus ingestion [13].
Tale odore caratteristico, secondo alcuni studi, sembra che venga prodotto soltanto da una percentuale limitata di persone, circa il 40%; secondo altri studi sembra che l’odore venga prodotto da tutte le persone e che soltanto una percentuale limitata, circa il 40%, possieda la capacità olfattiva di percepirlo.

Giovanna Masini

***

Avvertenze

Questo scritto vuole informare e orientare il lettore verso scelte nutrizionistiche consapevoli, non intende assolutamente proporsi come guida di una qualsiasi indicazione e, tanto meno, di una qualsiasi prescrizione di carattere dietetico e/o medico.
La pianta proposta non ha controindicazioni se consumata secondo modalità di buon senso, comunque i sofferenti di particolari affezioni, alcune delle vie urinarie, devono attenersi ai consigli del medico. Inoltre devono fare attenzione le persone che soffrono di particolare sensibilità individuale e di allergie specifiche.
Sensitization to different allergens is the likely cause of the different clinical pictures due to asparagus [14]. Nel lavoro dal titolo: Food hypersensitivity by inhalation, si legge che Though not widely recognized, food hypersensitivity by inhalation can cause major morbidity in affected individuals. The exposure is usually more obvious and often substantial in occupational environments but frequently occurs in non-occupational settings, such as homes, schools, restaurants, grocery stores, and commercial flights [15].

***

Bibliografia

[1] Pignatti Sandro, Flora d’Italia, Edagricole, Bologna, 2002

[2] Sabater-MolinaM, Larquè E, Torrella F, Zamora S, Dietary fructooligosaccharides and potential benefits on health, “Journal of Physiology and Biochemistry”, 2009;65(3):315-28

[3] Romojaro A, Botella MA, Obòn C, Pretel MT, Nutritional and antioxidant properties of wild edible plants and their use as potential ingredients in the modern diet, “International Journal of Food Sciences and Nutrition”, 2013;64(8):944-52

[4] Amaro Lopez MA, Zurera Cosano G, Moreno Rojas R, Garcia Gimeno RM, Influence of vegetative cycle of asparagus (Asparagus officinalis L.) on copper, iron, zinc and manganese content, “Plant Food for Human Nutrition”, 1995;47:349-355

[5] Amaro Lopez MA, Zurera Cosano G, Moreno Rojas R, Garcia Gimeno RM, Mineral content modifications during ripening of asparagus (Asparagus officinalis, L.), “Plant Foods for Human Nutrition”, 1996;49(1):13-26

[6] Capasso F, Grandolini G, Izzo A.A, Fitoterapia. Impiego razionale delle droghe vegetali, Springer-Verlag Italia, Milano, 2006

[7] Sakaguchi Yumi, Ozaki Yukio, Miyajima Ikuo, Yamaguchi Masaatsu, Fukui Yuko, Iwasa Keiko, Motoki Satoru, Suzuki Takashi, Okubo Hiroshi, Major antocyanins from purple asparagus (Asparagus officinalis), 2008, Science.gov

[8] Hafizur RM, Kabir N, Chishti S, Asparagus officinalis extract controls blood glucose by improving insulin secretion and β-cell function in streptozotocin-induced type 2 diabetic rats, “British Journal of Nutrition”, 2012,14;108(9):1586-95

[9] D. 27 marzo 2014, in materia di Aggiornamento del DM 9 luglio 2012 sulla disciplina nell’impiego negli integratori alimentari di sostanze e preparati vegetali

[10] Kim BY, Cui ZG, Lee SR, Kim SJ, Kang HK, Lee YK, Park DB, Effects of Asparagus officinalis extracts on liver cell toxicity and ethanol metabolism, “Journal of Food Science”, 2009;74(7):H204-8

[11] Hojatollah Karimi Jashni, Hossein Kargar Jahromi, Ali Ghorbani Ranibarv, Zahra Kargar Jahromi, Effects of acqueous extract from Asparagus officinalis L. roots on hypothalamic-pituitary-gonadal axis hormone levels and the number of ovarian follicles in adult rats, “International Journal of Reproductive BioMedicine”, 2016;14(2):75-80

[12] Long Cheng, Guo-feng Pan, Xiao-bo Sun, Yun-xiang Huang, You-shun Peng, Lin-yan Zhou, Evaluation of Anxiolytic-Like Effect of Aqueous Extract of Asparagus Stem in Mice, “Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine”, 2013, http://dx.doi.org/10.1155/2013/587260

[13] Mitchell SC et al, Asparagusic Acid, “Phytochemistry”, 2014, vol.97, pages 5-10

[14] Tabar AI, Alvarez MJ, Celay E, Lòpez R, de Esteban B, Gòmez B, Allergy to asparagus, “Anales del Sistema Sanitario de Navarra”, 2003;2:17-23

[15] Daniel A Ramirez, Sami L Bahna, Food hypersensitivity by inhalation, “Clinical and Molecular Allergy”, 2009;7:4

 

Advertisements
Annunci

Posted by

Natura, colori, sapori, odori, armonia psicofisica e ricerca scientifica; il tutto per l'uomo e per il suo benessere, sfogliando sciencescratch

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.