I Tragopogon spontanei e coltivati per una scelta consapevole. Phytochemicals ed evidenze scientifiche for interesting health beneficial effects

Pianta erbacea biennale a radice fittonante. Nel primo anno di vegetazione rosetta di foglie basali, nel secondo anno scapo fiorale [1]. Foglie basali con marcata nervatura  1.jpgcentrale, lineari, intere, ondulate al margine, acuminate all’apice, larghe 5 mm, lunghe 15-20 cm e più; caulinari più piccole e amplessicauli. Infiorescenza (da Maggio a Luglio) in capolino solitario di 6-7 cm di diametro, fiori tutti ligulati, ermafroditi, di colore vario a seconda della specie: giallo, bianco, lillacino, porporino. Cipsela bruno scuro con coste spinulose, con becco di 1-2 cm sormontato da pappo di setole piumose di 25-35 mm [2].
Si coglie la pianta intera dall’Autunno alla Primavera successiva, prima che emetta lo scapo fiorale. Il grosso fittone verticale è la parte di maggiore interesse, comunque non è da trascurare la rosetta basale che si presta a varie preparazioni di cucina.2.jpg
Da sempre questa pianta è nota come alimento con proprietà benefiche sull’organismo soprattutto se consumata cruda, ad esempio le foglie tenere in insalata e la radice in pinzimonio [2]. La tradizione popolare le attribuisce proprietà diuretiche, diaforetiche e depurative, utili in caso di renella e di gotta, ma anche di disturbi gastro-intestinali [3], mentre alla radice sciroppata proprietà bechiche e in generale con effetti positivi sulle affezioni respiratorie [1]. A proposito dei disturbi gastro-intestinali si legge in: Protective Effect of Tragopogon graminifolius DC Against Ethanol Induced Gastric 3.jpgUlcer: …. this herb was introduced as one of the most beneficial plants for digestive ulcer in traditional medicine. In different nations, Tragopogon genus is used as anticough, astringent, skin repairing and is used in the treatment of gastric disorders traditionally [4]. Un altro studio sostiene che: Tragopogon graminifolius is considered to be an efficacious remedy for gastrointestinal ulcers in Iranian traditional medicine [5]. Inoltre la chemical composition, antioxidant and antimicrobial activity of essential oil and extracts of Tragopogon graminifolius, sostiene che si tratta di una medicinal herb [6], cioè di una pianta dotata di principi utili al buon andamento della fisiologia organica. I benefici del Tragopogon graminifolius, inoltre, nella biochemical and histopathological evidence on the beneficial effects of Tragopogon, comprendono una promising healing function on colitis. Clinical trials are warranted to prove its efficacy and tolerability in IBD, (inflammatory bowel disease) [7].4.jpg
Il genere Tragopogon comprises approximately 150 described species distributed throughout Eurasia from Ireland and the UK to India and China with a few species in North Africa. Most of the species diversity is found in Eastern Europe to Western Asia [8]. Il Tragopogon graminifolius non è presente nella Flora d’Italia [2], la quale ne contempla tanti altri, in particolare il pratensis e il porrifolius, il quale per i suoi principi antiossidanti sembra svolgere, oltre ai benefici riconosciuti dalla tradizione, anche una buona proprietà epatoprotettiva. Lo studio: Standardization of Tragopogon graminifolius DC. Extract Based on Phenolic Compounds and Antioxidant Activity, infatti riporta che questa specie di 5.jpgTragopogon is traditionally used for the treatment of various diseases like gastrointestinal and hepatic disorders [9]. Tale proprietà, più che altro, pare di carattere intuitivo, perchè tuttora mancano le evidenze scientifiche a sostegno di tale funzione.
Il Tragopogon porrifolius, noto con il nome volgare di Salsefica, viene anche coltivato, infatti trova nelle condizioni pedoclimatiche tipicamente mediterranee l’habitat favorevole. Results showed that consumption of the plant extract for a period of four weeks resulted in a marked improvement of the lipid profile (triglycerides, total cholesterol, LDL and6.jpg HDL cholesterol) [10]. Apportando il Tragopogon porrifolius benefici a livello del profilo lipidico, senz’altro contrasta i disordini cardio circolatori. Il Ministero della Salute a proposito del Tragopogon porrifolius, scrive: radix: funzioni depurative dell’organismo. Regolarità della pressione arteriosa. Regolare funzionalità dell’apparato cardiovascolare [11].
Un altro studio sostiene che: the nutritional value of this plant has been attributed to its monounsaturated and essential fatty acids, vitamins, polyphenols, and fructooligosaccharides components. Recent studies in our laboratory revealed that intake of aqueous extract of T. porrifolius caused improvement of lipemia and 7.jpgincreased satiety in rats with no visible adverse effects. Additionally, methanol, ethyl acetate, and chloroform extracts of aerial parts of T. porrifolius demonstrated anti-inflammatory effects in mice [12].
Alla pari di molte Asteraceae il fittone dei Tragopogon contiene una buona percentuale di inulina, utile a migliorare i processi digestivi, a ridurre la formazione di gas intestinali, a ritmare l’assorbimento degli zuccheri, dei lipidi, del calcio, del ferro e del magnesio e favorire il riequilibrio della flora intestinale. Inoltre l’inulina, polisaccaride del fruttosio, è tollerata dal diabetico [13]. 8.jpg

Giovanna Masini

***

Avvertenze

Questo scritto vuole informare e orientare il lettore verso scelte nutrizionistiche consapevoli, non intende assolutamente proporsi come guida di una qualsiasi indicazione e, tanto meno, di una qualsiasi prescrizione di carattere dietetico e/o medico. La pianta proposta non ha controindicazioni a meno di una 9.jpgparticolare sensibilità individuale e di allergie specifiche.

***

Bibliografia

[1] Boni Umberto, Patri Gianfranco, Bartolaminelli Alessandro, Scoprire riconoscere usare le erbe, Fratelli Fabbri Editori, Milano, 1980

[2] Pignatti Sandro, Flora d’Italia, Edagricole, Bologna, 2002

[3] Valnet Christian, Salute e Benessere, La Trilogia, Erbe e Piante Medicinali, Infusi e Tisane, Oli essenziali e Aromaterapia, Edizioni R.E.I., Francia, 2014

[4] Mohamad Hosein Farzaei, Mozafar Khazaei, Zahra Abbasabadei, Maryam Feyzmahdavi, Gholam Reza Mohsemi, Protective Effect of Tragopogon graminifolius DC against Ethanol Induced Gastric Ulcer, “Iranian Red Crescent Medicinal Journal”, 2013;15(9):813-81610.jpg

[5] John K. Triantafillidis, Aikaterini Triantafyllidi, Constantinos Vagianos, Apostolos Papalois, Favorable results from use of herbal and plant products in inflammatory bowel disease: evidence from experimental animal studies, “Annals of Gastroenterology”, 2016;29(3):268-281

[6] Farzaei MH, Rahimi R, Attar F, Siavoshi F, Saniee P, Hajimahmoodi M, Mirnezami T, Khanavi M, Chemical composition, antioxidant and antimicrobial activity of essential oil and extracts of Tragopogon graminifolius, a medicinal herb from Iran, “Natural Product Communications”, 2014;9(1):121-4

11.jpg[7] Farzaei MH, Ghasemi-Niri SF, Abdolghafari AH, Baeeri M, Khanavi M, Navaei-Nigjeh M, Abdollahi M, Rahimi R, Biochemical and histopathological evidence on the beneficial effects of Tragopogon graminifolius in TNBS-induced colitis, “Pharmaceutical Biology”, 2015;53(3):429-36

[8] Bell Cd, Mayrodiev EV, Soltis PS, Calaminus AK, Albach DC, Cellinese N, Garcia-Jacas N, Soltis DE, Rapid diversification of Tragopogon and ecological associates in Eurasia, “Journal of Evolutionary Biology”, 2012;25(12):2470-80

[9] Mohammad Hosein Farzaei, Mahnaz Khanavi, Ghazaleh Moghaddam, Farzaneh Dolatshahi, Roja Rahimi, Mohammad Reza Shams-Ardekani, Gholamreza Amin, Mannan Hajimahmoodi, Standardization of Tragopogon graminifolius DC. Extract Based on Phenolic Compounds and Antioxidant Activity, “Journal of Chamistry”, 2014, Article ID 425965, 6

[10] Zeeni N, DaherCf, Saab L, Mroueh M, Tragopogon porrifolius improves serum lipid profile and increases short-term satiety in rats, “Appetite”, 2014;72:1-7

[11] D. 27 marzo 2014, in materia di Aggiornamento del DM 9 luglio 2012 sulla disciplina nell’impiego negli integratori alimentari di sostanze e preparati vegetali

[12] Clara Tenkerian, Mirvast El-Sibai, Constantine F. Daher, Mohamad Mroueh, Hepatoprotective, Antioxidant, and Anticancer Effects of the Tragopogon porrifolius Methanolic Extract, “Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine”, 2015;2015:161720

[13] Kaur N, Gupta AK, Application of inulin and oligofructose in health and nutrition, “Journal of Biosciences”, 2002;27(7):703-14

Annunci

Posted by

Natura, colori, sapori, odori, armonia psicofisica e ricerca scientifica; il tutto per l'uomo e per il suo benessere, sfogliando sciencescratch

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.